The Farters Web
 

Estate col Nocciolo

 
Hey Hey Hey Un saluto dal vostro Nocciolo preferito. Dovunque siate, qualsiasi cosa stiate facendo, se vi state godendo il vostro centimetro quadrato di spiaggia a Riccione e avete finito il gel “cemento armato style”, se siete in galera e il vostro compagno di cella è un macabro piromane amante della lingerie o se siete semplicemente “sotto i ferri” per rifarvi il seno, se apri il frigo e la bottiglia di birra ti fa “ciao ciao” e strizza l’occhio, se di quella birra c’è rimasto solo lo “sbavo” e non ce ne sono altre in fresco, se state smoccolando contro chi ha lasciato in frigo due dita di birra scialita e senza tappo, se siete costretti a bere la passata di pomodoro perché il frigo è vuoto, se siete tristi perché la donna dei vostri sogni è solo un sogno, se volete rifarvi una vita, se desiderate lavare via il vostro passato, se vivete solo di ricordi, se volete tornare bambini, se il mondo si dimentica di te, se tu vuoi dimenticarti del mondo, se pensate che Perugia sia troppo piccola per voi e non vi siete mai chiesti che forse voi siete troppo grandi per Perugia, se pensate che l’Italia fa schifo, se siete orgogliosi di essere italiani, se il mondo vi sta stretto e l’universo è troppo grande, se l’universo è la donna che amate, se la donna che amate è in un altro universo, se vuoi la pace, se tu vuoi la pace eterna, se pensi di pensarla sempre nel modo giusto, se sei in guerra con il mondo, se sei in guerra con te stesso, se sei in guerra con l’Iraq, se sei in auto e pensi di essere in guerra, se suoni il clacson dopo 3 centesimi di secondo che è scattato il verde, se sei il primo al semaforo e te se spegne la macchina, se sei in imbarazzo e ti cominciano a sudare le mani e respiri affannosamente, se il cuore ti batte a mille, se il cuore ti smette di battere, se il cuore ti batte per una lei, se il cuore di lei batte per qualcun altro, se il cuore di lui batte per te, se vuoi strappare il cuore di lui, se il cuore se ne sbatte, se il cuore muore, se vai sempre al cuore delle cose, se un cuore per San Valentino è solo un business, se il medico ti prescrive 80 cc di placibio, se il medico è di famiglia, se la famiglia è del medico, se il medico pensa solo ai soldi, se il paziente è solo carne, se il paziente è paziente nel fare tre ore di fila fuori della porta, se sei in sala d’aspetto con le riviste già viste e riviste, se ti senti squadrato in sala d’aspetto, se finalmente tocca a te ma il precedente non esce mai, se fuori senti una sirena e non ti ricordi se sono Vigili del Fuoco, ambulanze o sbirri, se senti le sirene come Ulisse, se pensi che Ulisse sia solo il monovolume della Fiat, se hai una Fiat, se di vendere la tua Fiat è giunto proprio il momento, se non vedi l’ora che arrivi il tuo momento, se il tuo momento è arrivato prima di te, se aspetti una sera particolare da due settimane e un’ora prima ti chiamano per un cambio di programma, se il rock per Homer ha raggiunto l’apice nel 1974, se tutto è soggettivo e relativo, se vivete nei luoghi comuni, se un tramonto vale più di mille parole, se anche la merda può avere un buon sapore, se non porti rispetto al Grifo, se a Terni rosicano d’invidia, se non ti sei già frantumato i testicoli nel leggere tutti questi “se”, aspetta che ora comincio con i “ma”……….ma vaffanculo và, il Nocciolo in primis.
E con l’arrivo di Agosto il Nocciolo raddoppia ed esce con un articolo lunghissimo per tenervi compagnia per tutta l’estate. Sì, solo per te, per te e basta raddoppio tutto e parlerò finalmente del favoloso concerto dei The Farters al Tio Molonio in quel di Valladolid. Il 6 Marzo 2003 sono andati in scena il delirio e il business.
Ma ora, senza che le vostre coronarie saltino come i tombini durate un temporale, facciamo un salto al giorno prima, il 5 Marzo.
Al Tio Molonio c’è un gruppo svizzero: I Fuckadies, un buon punk-rock e bravi bravi bravi. Alla seconda canzone sfoderano Rockway Beach dei Ramones: un minuto di silenzio per Joey e Dee Dee, per favore. Un giorno parlerò anche del gruppo preferito dal Nocciolo; ma sto divagando, i Ramones mi fanno questo strano effetto. Pensate di ascoltare delle canzoni per centomila volte ed è come se l’ascoltaste per la prima volta, aahh, eh? Da Ramones ad Adois Amigo.... life’s a gas!!! Eeeh sì mò la smetto, scusate.
Insomma, alla fine del concerto, frontman a confronto, anzi fronteman a confrontman: Bernardo va in avanscoperta e cerca di farsi un po’ di pubblicità. Un po’ di complimenti e subito gli dice che lui era l’unico e solo leader incontrastato del gruppo che avrebbe suonato il giorno dopo: The Farters. Notare che i Fuckadies il giorno dopo sarebbero andati a suonare a Madrid e non avrebbero potuto assistere al Farters Day. Viene fuori che nella loro tournee, sarebbero venuti a Perugia il 12 marzo. Appresa la buona notizia scambi di spille, acquisto di cd da parte di Bernardo. Il loro chitarrista pure la spilla sulla cinta della chitarra s’è messo!!
Dopo Bernardo comincia a dì “Oh freghi nooo io so in Spagna il 12, ma andate in rappresentanza e fateve riconosce. Pià benissimo”. Fatto sta che il 12 siamo a Perugia, andiamo a vedere i Fuckadies che, diciamolo francamente, non ci avevano riconosciuti affatto. Allora ci facciamo riconoscere noi e scatta pure il saluto dal palco. La nota curiosa, però, consiste nel fatto che loro abbiano asserito che i Farters, al Tio Molonio, avevano suonato molto bene. Allora, dove voglio arrivare: non sarò certo un avvocato di fama, ma credo che per dare un giudizio su uno spettacolo si debba aver assistito a quello spettacolo. Invece, non erano forse loro, Fuckadies, a Madrid quella sera? Non voglio influenzare i signori della giuria, ma credo si debba tener conto, tra l’altro, che anche se avessero assistito al concerto e i Farters avessero suonato male, non avrebbero forse detto la stessa cosa che hanno detto in realtà? Con ciò voglio concludere che aggiungere conclusioni a questa amara conclusione sembrava più che sufficiente e ce ne siamo andati. Rockway beach l’hanno però fatta e il chitarrista aveva sempre la spilla dei Farters in mezzo ad altre spille più prestigiose. Riabilitati? Nooo?, ma sì sì e ccche me ne fotte poi…Me so impananto su sti discorsi. E come ne vengo fuori ora? Ma con un bel FINE.
Ah, torniamo un attimo al Tio Molonio: dopo sfidone a freccette col tabellone elettronico. Modalità di gioco: 1) si arriva al 301; 2) se uno è, ad esempio, a 234, e uno è a 220 e fa 14, raggiunge l’altro a 234 e gli azzera il punteggio. Massacri su massacri su altri massacri.



Per informazioni: info@thefarters.com